Per anni nell’Azione Cattolica ho organizzato eventi e incontri per adolescenti, bambini e adulti, evitando sempre lezioni frontali, ma cercando sempre di creare attività alternative e coinvolgenti.

Dopo anni ritrovarmi in un altro contesto ad utilizzare le stesse tecniche, giro di nomi, passa la mano, mi ha portato un po’ indietro nel tempo e mi ha fatto molto piacere.

L’invito di Fabio Attoli a presentare un talk per Books l’abbiamo accolto con entusiasmo perché era un’altra occasione per continuare i nostri cicli di seminario sui Mondi che funzionano.

Ultimamente con i Fabbricastorie stiamo lavorando molto sulla creazione di mondi, un tema che accomuna tanti che lavorano sulle narrazioni, che siano giocatori, scrittori o semplici lettori.

Non mi dilungerò molto su questo tema che comunque potete approfondire qui .

Dopo il primo seminario ci siamo detti che avremo dovuto dare più spazio alla pratica e da qui il titolo Mondi che funzionano – Hands on: volevamo che i partecipanti mettessero le mani in pasta e provassero insieme a noi la metodologia della “mitopoiesi”, che consiste in una serie di tecniche collaborative (perciò da fare in gruppo) che aiutano chi lavora sulle narrazioni a creare mondi.

Direi che durante l’incontro sono stati proposti molti spunti per ambientare un racconto, un film, serie TV o una campagna di gioco di ruolo:

  • dei topi meccanici divisi in due fazioni che hanno come dio Elvis e il jazz…
  • che sono stati inviati da una società segreta proveniente dalla Terra con un segnale criptato che contiene un codice segreto «La luna è di formaggio»…

… e altro ancora.

Una nota molto positiva emersa dall’incontro che la mitopoiesi è una metodologia che possono applicare tutti coloro che desiderano costruire ambientazioni in maniera giocata e divertente.

Io mi sono divertito molto e spero anche i partecipanti.

Ma questo lo vedremo quando faremo il prossimo seminario, se qualcuno tornerà….. 🙂

All’interno della pagina dedicata al progetto FabbricarStorie (che fa parte della sezione sulla formazione) trovate le slide del seminario.

Questo sito utilizza una varietà di cookie per gestire i servizi offerti agli utenti e offrire un'esperienza di navigazione migliore. Per indicare che hai capito clicca sul tasto Altre informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close